Rapito

Drammatico Storico

di Marco Bellocchio

con Enea Sala, Leonardo Maltese

Sabato 1 luglio ore 21:00 Domenica 2 luglio ore 17:30 Domenica 2 luglio ore 21:00

Anno: 2023

Durata: 125

Cast: Enea Sala, Leonardo Maltese, Paolo Pierobon, Fausto Russo Alesi, Barbara Ronchi, Samuele Teneggi, Filippo Timi, Fabrizio Gifuni, Aurora Camatti, Paolo Calabresi, Bruno Cariello, Andrea Gherpelli, Walter Lippa, Alessandro Bandini, Leonardo Bianconi, Daniele Aldovrandi, Corrado Invernizzi, Michele De Paola, Fabrizio Contri, Giustiniano Alpi, Orfeo Orlando, Federica Fracassi, Giulia Quadrelli, Flavia Baiku, Tonino Tosto, Renato Sarti, Christian Mudu, Riccardo Bandiera

Paese: Italia

Distribuzione: 01 Distribution S.r.l.

Sceneggiatura: Marco Bellocchio, Susanna Nicchiarelli

Fotografia: Francesco Di Giacomo

Montaggio: Francesca Calvelli, Stefano Mariotti

Musiche: Fabio Massimo Capogrosso

Rapito, film diretto da Marco Bellocchio, racconta la storia di un bambino ebreo, Edgardo Mortara (Enea Sala), che nel 1858, all’età di sette anni, è stato prelevato dallo Stato Pontificio e tolto alla sua famiglia per essere cresciuto come cattolico.
Il bambino era stato segretamente battezzato quando aveva solo sei mesi. Secondo le rigide regole della legge papale, il sacramento ricevuto dal neonato gli impone un’educazione cattolica. Trasferito da Bologna a Roma, il bambino sarà allevato secondo i precetti cristiani sotto la custodia di Papa Pio IX (Paolo Pierobon).
Nonostante le disperate richieste della sua famiglia per riaverlo indietro, il pontefice si oppone e Edgardo cresce nella fede cattolica. La battaglia dei coniugi Mortara (Barbara Ronchi e Fausto Russo Alesi) riceve un riscontro importante nella comunità ebraica e assume ben presto una dimensione politica.
Sullo sfondo di un’epoca in cui la Chiesa sta perdendo parte del suo potere e le truppe sabaude conquistano Roma, una famiglia sta lottando per ricongiungersi.

Un altro grande film firmato da un Marco Bellocchio in stato di grazia, nel quale le ossessioni del regista si sposano perfettamente con la storia che racconta. Già dal titolo, Rapito, si stabilisce una connessione esplicita con i film del regista sul rapimento di Aldo Moro: ancora una volta Bellocchio si scaglia, forse non più con rabbia, ma di certo con grande potenza iconoclasta, contro le convenzioni e le ipocrisie del nostro paese e della nostra storia, e contro ogni forma di chiesa e di dogmatismo. Girato con uno stile che lo rende simile a un horror gotico, Rapito è una pagina di cinema, di storia, e di disamina delle dinamiche e delle perversioni del potere e dell’idologia che lascia in chi guarda un segno chiaro, profondo, durevole. (Federico Gironi – Comingsoon.it)

Curiosità: Nel 2016 il caso Edgardo Mortara aveva destato l’interesse anche di Steven Spielberg, che aveva annunciato la volontà di girare un film sulla storia basata su un libro dell’accademico statunitense David Kertzer.

Presentato in concorso al Festival di Cannes 2023

Prossimamente

Confidenza

Venerdì 21 giugno ore 21:00 Sabato 22 giugno ore 17:30

di Daniele Luchetti

con Elio Germano, Federica Rosellini

Il caso Josette

Sabato 22 giugno ore 21:00 Domenica 23 giugno ore 17:30 Domenica 23 giugno ore 21:00

di Fred Cavayé

con Dany Boon, Jérôme Commandeur

Ennio Doris - C'è anche domani

Venerdì 28 giugno ore 21:00 Sabato 29 giugno ore 17:30

di Giacomo Campiotti

con Massimo Ghini, Lucrezia Lante della Rovere

Non volere volare

Sabato 29 giugno ore 21:00 Domenica 30 giugno ore 17:30 Domenica 30 giugno ore 21:00

di Hafsteinn Gunnar Sigurðsson

con Lydia Leonard, Timothy Spall