La zona di interesse

Drammatico Guerra Storico

di Jonathan Glazer

con Sandra Hüller, Christian Friedel

Sabato 20 aprile ore 21:00 Domenica 21 aprile ore 15:45 Domenica 21 aprile ore 18:30

Anno: 2023

Durata: 105

Cast: Sandra Hüller, Christian Friedel, Ralph Herforth, Max Beck, Stephanie Petrowitz, Marie Rosa Tietjen, Lilli Falk, Wolfgang Lampl

Paese: Gran Bretagna Polonia USA

Distribuzione: I wonder Pictures

Sceneggiatura: Jonathan Glazer

Fotografia: Lukasz Zal

Montaggio: Paul Watts

Musiche: Mica Levi

La zona d’interesse, film diretto da Jonathan Glazer, segue la vita quotidiana di una famiglia tedesca che vive accanto al campo di concentramento nazista di Auschwitz durante la Seconda Guerra Mondiale.
La famiglia Höss vive in un’elegante casa di campagna in riva al fiume, li vediamo fare il bagno con i bambini in estate, come se dietro al loro giardino non ci fossero i forni crematori del campo di concentramento. Il padre di famiglia è Rudolf Höss (Christian Friedel), comandante alla direzione del campo.
Seguiamo la vita di questa famiglia fuori e dentro ad Auschwitz. All’interno osserviamo il lavoro di Rudolf e fuori scorgiamo la moglie Hedwig (Sandra Hüller) che prende il tè con le amiche e i bambini che vanno in bicicletta allegramente. In sottofondo si sentono i rumori sinistri di prigionieri che marciano legati e nell’aria si vedono alzarsi nuvole di cenere. Tra queste due dimensioni contrastanti, si intrecciano anche storie di coraggio e storie d’amore clandestine…

A dieci anni di distanza da Under the Skin (2013), Jonathan Glazer torna alla regia e alla sceneggiatura con una pellicola ambientata e girata ad Auschwitz. Si tratta del primo film in lingua tedesca diretto dal regista britannico, tratto liberamente dall’omonimo romanzo dello scrittore inglese Martin Amis. L’opera è stata presentata in concorso al Festival di Cannes 2023, dove ha ricevuto diversi riconoscimenti, tra cui il Grand Prix Speciale della Giuria e il Premio FIPRESCI. Il film è una produzione anglo-polacca ed ha preso vita dopo gli approfonditi studi del regista, il quale – durante una sua visita ad Auschwitz – rimase profondamente colpito dalla residenza della famiglia del comandante nazista Rudolf Höss, che si trovava poco distante dal campo di concentramento. Grazie alla collaborazione con il Museo di Auschwitz, il regista ha avuto il permesso di consultare gli archivi storici che contenevano le testimonianze delle persone che avevano lavorato presso la casa di Höss, ricostruendo un quadro verosimile di quella che poteva essere la quotidianità della famiglia del gerarca nazista. Jonathan Glazer e il direttore della fotografia Łukasz Żal – candidato due volte all’Oscar – hanno scelto di girare le scene piazzando sul set (un’accurata ricostruzione della vera residenza della famiglia Höss) delle telecamere messe in diverse angolazioni e manovrate da remoto, dando così agli attori la possibilità di muoversi liberamente ed improvvisare.

 

Nelle mani di Jonathan Glazer il romanzo di Martin Amis che ha lo stesso titolo del film è solo uno spunto. Le pagine e la storia vengono asciugate, disossate, tardite. A Glazer interessa lavorare sul massimo del minimalismo e dell’astrazione possibili, per raccontare con le immagini, e coi suoni, quel che le parole spesso non sono sufficienti a raccontare. Figuriamoci spiegare. The Zone of Interest non è solo astratto e minimale. È geometrico. Rigoroso. Implacabile. È la logica perversa, spietata, allucinante ma a suo modo lucidissima del nazismo, della Soluzione finale, quella che Glazer mette sullo schermo. Un film potente, destinato a scatenare dibattiti e a lasciare un segno nello spettatore. (Federico Gironi – Comingsoon.it)

CURIOSITÀ :
Il film è ispirato al romanzo La zona d’interesse di Martin Amis del 2014, edito in Italia da Einaudi nel 2015.
Le riprese si sono svolte interamente in Polonia.
Il film, girato in lingua tedesca e polacca, è il primo film di Jonathan Glazer non in inglese.
Presentato in Concorso al Festival di Cannes 2023.

Auschwitz è uno dei più grandi complessi di morte costruiti durante il Terzo Reich, utilizzato sia come campo di concentrazione che come campo di sterminio. Il complesso, ideato da Heinrich Himmler e gestito dalle SS, fu in funzione dal 1940 al 1945, dando la morte ad oltre un milione di persone, di cui la stragrande maggioranza erano ebrei. Le vittime della “soluzione finale della questione ebraica” venivano uccise tramite camera a gas, ma molte morivano anche a causa di malnutrizione, freddo, malattie, maltrattamenti ed esperimenti medici. Dal 1979 il sito Auschwitz è iscritto nel patrimonio mondiale dell’Unesco in qualità di monumento storico e culturale.

 

PREMI E RICONOSCIMENTI PER LA ZONA D’INTERESSE
Oscar – 2024

  • Premio miglior film in lingua straniera
  • Premio miglior sonoro
  • Candidatura miglior film
  • Candidatura miglior regista a Jonathan Glazer
  • Candidatura migliore sceneggiatura non originale a Jonathan Glazer

Golden Globe – 2024

  • Candidatura miglior film drammatico
  • Candidatura miglior film straniero
  • Candidatura migliore colonna sonora originale a Mica Levi

Festival di Cannes – 2023

  • Premio Grand Prix Speciale della Giuria
  • Premio FIPRESCI (Concorso)

Prossimamente

Past lives

Venerdì 19 aprile ore 21:00 Sabato 20 aprile ore 16:30

di Celine Song

con Greta Lee, Shabier Kirchner

La zona di interesse

Sabato 20 aprile ore 21:00 Domenica 21 aprile ore 15:45 Domenica 21 aprile ore 18:30

di Jonathan Glazer

con Sandra Hüller, Christian Friedel

Maestro

Venerdì 26 aprile ore 21:00 Sabato 27 aprile ore 14:30

di Bradley Cooper

con Bradley Cooper, Carey Mulligan,

Romeo è Giulietta

Sabato 27 aprile ore 21:00 Domenica 28 aprile ore 15:45 Domenica 28 aprile ore 18:30

di Giovanni Veronesi

con Sergio Castellitto, Pilar Fogliati

La sala professori

Venerdì 3 maggio ore 21:00 Sabato 4 maggio ore 16:30

di Ilker Çatak

con Leonie Benesch, Leonard Stettnisch

Un altro Ferragosto

Sabato 4 maggio ore 21:00 Domenica 5 maggio ore 15:45 Domenica 5 maggio ore 18:30

di Paolo Virzì

con Sabrina Ferilli, Laura Morante